Arredare la zona giorno nelle case prefabbricate

Una casa prefabbricata è una casa come tutte le altre. O forse no: è qualcosa di più di tutte le altre. Perché ha in sé, nella sua definizione e nella sua ragione d’esistere la prerogativa eccezionale di poter essere esattamente come la desideriamo. In ogni caso va arredata come tutte le abitazioni. Ecco quindi una guida ricca di consigli utili per costuire la zona giorno, con particolare riguardo a come individuare l’area migliore dove collocare cucina, soggiorno, sala pranzo e studio, ma anche come arredarli e renderli pienamente funzionali.


Quando scegliamo di costruirci una casa partendo da zero – quando scegliamo di farlo con una soluzione prefabbricata – avremo risultati eccellenti in tempi brevissimi e a costi ridotti rispetto al mercato tradizionale. Con un plus: sia all’esterno che all’interno la nostra casa prefabbricata dei sogni avrà tutte le caratteristiche che scegliamo noi, dai rivestimenti alla divisione interna, dal più piccolo particolare come la maniglia di una porta, agli aspetti globali come la tipologia e il funzionamento degli impianti.

La domanda che farà più capolino nella nostra testa sarà dunque una sola: cosa scegliere? Come arredarla? Come rendere esteticamente e funzionalmente al meglio una casa prefabbricata dei sogni?

Arredare la zona giorno nelle case prefabbricate

La zona giorno in una casa prefabbricata

Ogni tipologia di abitazione, ogni casa è fornita e divisa in zone o ambienti o stanze a sé stanti, provviste ognuna di una funzione, di una destinazione d’uso. Anche nella casa prefabbricata avremo dunque zone distinte:

  • giorno
  • notte
  • studio-lavoro
  • relax

a loro volta suddivise in altre più piccole e specifiche.

I vari ambienti di una casa però possono spesso non essere così netti: le divisioni e i confini possono farsi labili, confondersi, mischiarsi, compenetrarsi o suddividersi fino a ordinare ogni più piccola attività in ambienti ben definiti e miniaturizzati. In pratica la libertà di una casa prefabbricata è quella di scegliere la divisione o la non divisione delle zone a priori: se desideriamo un open space dove ogni cosa rimanga a vista sul resto siamo liberi di farlo; se vogliamo una divisione classica, con una stanza per la cucina, una per il soggiorno, una per il letto, etc possiamo ottenerla; se desideriamo una divisione mista, con un ampio living aperto per la zona giorno e magari tante piccole stanze per la zona notte, possiamo realizzarle.

Insomma non c’è limite alle possibilità ottenibili dalla divisione interna di una casa prefabbricata in zone funzionali: l’unica barriera è la fantasia, unita alle esigenze pratiche individuali di ognuno.

La zona giorno di una casa è solitamente quella più vissuta e anche quella più caratterizzante di una casa: è la zona che vedono maggiormente gli ospiti, è quella dove si passa più tempo, è quella che connota e dà carattere e che quindi somiglia di più ai suoi padroni. In una casa prefabbricata essa sarà ancor più somigliante loro perché sarà stata scelta soltanto in base ai loro gusti e alle loro esigenze.

Cosa comprende la zona giorno

Solitamente quella denominata zona giorno comprende diversi ambienti:

  • ingresso
  • cucina
  • sala da pranzo
  • soggiorno
  • zona conversazione
  • zona relax
  • angoli lettura
  • zona studio-lavoro
  • zona hobby-fitness

In una casa prefabbricata possono convivere tutti questi ambienti e anche altri, modellati sulla nostra personalità, la nostra professione, le nostre esigenze: un ambiente musica, una piccola sala di danza, una biblioteca fornitissima, sono tutte altre zone che si possono ricavare nella zona giorno di una casa prefabbricata.

Dimensioni e sistemazione della zona giorno

Tenendo conto delle funzioni e degli ambienti che deve o che può contenere la nostra zona giorno ideale, cerchiamo di progettare o far progettare la stessa in modo che riesca a comprendere tutto: le dimensioni quindi devono essere le più estendibili possibile, magari potendo sottrarre spazio ad altre zone (come il bagno di servizio o la lavanderia).

Nel momento in cui si scelgono le dimensioni della zona giorno, si dovrà anche scegliere la collocazione e quindi la sistemazione stessa degli ambienti, se desideriamo:


  • zona giorno senza suddivisione interna fra gli ambienti
    quindi un living, calcoliamo che l’assenza di muri allargherà lo spazio a disposizione, sia a livello visivo che a livello pratico; in questo caso però dobbiamo considerare la possibile presenza di pilastri o colonne, da poter però sfruttare come elementi di decoro, di parziale divisione o di arredo particolari; teniamo anche conto del fatto che la luce per un ambiente molto grande dovrà essere tanta, quindi devono essere previste una finestratura e un sistema di illuminazione artificiale adeguati;
  • suddivisione in stanze per ogni funzione
    calcoliamo lo spazio che vorremmo avere per ognuna: sicuramente meritano diversi metri quadri la cucina e il soggiorno, mentre possiamo pretenderne di meno per la zona ufficio o per la sala hobby o per l’angolo relax;
  • suddivisione mista
    il living comprendente una cucina affacciata su zona pranzo, soggiorno, zona conversazione e zona relax dovrà essere ampio, con divisioni parziali come muretti a mezz’altezza oppure pareti in vetrocemento oppure ancora porte scorrevoli all’occorrenza a scomparsa.

Teniamo presente che nel caso di assenza di suddivisioni fisiche tramite pareti, come per l’open space o per il living, si può comunque ottenere una divisione concettuale degli ambienti (ad esempio tra cucina e zona pranzo) tramite pavimentazioni diverse o colorazioni diverse tra una zona e l’altra.

Cucina della casa prefabbricata

Scegliere l’arredo di una casa prefabbricata dipende anche molto dai materiali utilizzati per costruirla e per rivestirla, frutto di scelte personali di gusto e di funzionalità. Lo stile d’arredo però ne viene immancabilmente influenzato, perché anche materiali, colori e superfici degli arredi devono in qualche modo incontrarsi con rivestimenti e finiture, che sia per similitudine o che sia per contrasto.

In generale, in una casa prefabbricata dove il materiale di costruzione prevalente è il legno, possono ben adattarsi due tipologie o stili di cucina differenti: la cucina country, con il classico stile rustico, da campagna, con camini, stoviglie e pentole a vista, pietra a vista, soluzioni su misura, colori neutri o pastello; oppure la cucina moderna, in netto contrasto con la classicità del legno, caratterizzata da superfici innovative, spesso laccate, con colori anche accesi oppure con l’eterno bianco a fare da protagonista, per un risultato di perfetti ordine e pulizia, nel suo incontro con il legno.

La cucina moderna, componibile, modulare, potrebbe ritrovarsi nello spazio adibito di una casa prefabbricata nella fascinosa soluzione con isole o penisole, che solitamente richiedono grandi spazi a disposizione, che nel caso della casa prefabbricata sono soltanto da progettare e non da modificare in un secondo momento come potrebbe avvenire in una casa già costruita con sistemi e metrature tradizionali.

La zona operativa al centro della cucina o del living, con fuochi, lavello, piano di lavoro, permette di avere ampio respiro mentre si preparano i cibi e di poter guardare comodamente il televisore o di poter conversare con gli ospiti seduti sul divano. La cucina con isole o penisole è un invito alla convivialità che sicuramente ben starebbe in una casa prefabbricata progettata dagli stessi proprietari.

Zona pranzo e soggiorno della casa prefabbricata

La zona pranzo della casa prefabbricata deve necessariamente prevedere un tavolo grande, oppure allungabile all’occorrenza, provvisto di sedie di design, magari una diversa dall’altra, che possano ospitare molte persone, tutti gli ospiti che prevediamo di poter invitare.

In soggiorno il consiglio è quello di far convivere più zone relax possibile: una parete interamente attrezzata con soluzioni classiche in legno oppure con le più moderne pareti componibili, sarebbe il fulcro dell’attività multimediale, con televisore o proiettore, sistema home theatre, console di giochi, stereo. Davanti ad essa un grande tappeto ospiterebbe un coffee table e poi uno o due grandi divani per conciliare l’esperienza multimediale. Un camino che rappresenti il classico (o moderno) focolare domestico completerebbero perfettamente il quadro.

Un’altra zona potrebbe essere costituita da due o tre poltrone, magari complete di pouff o poggiapiedi coordinati messe una di fronte all’altra, per favorire la conversazione.

Un angolo lettura è l’ideale se composto da una chaise longue molto comoda e da una lampada da terra da puntare sulla lettura. Varie librerie (basse dietro ai divani, sospese sopra piani e scrivania, a tutt’altezza su pareti libere) costituirebbero la biblioteca di casa, magari provvista di scala per arrivare nei punti più alti. Almeno un divano dovrebbe nascondere un meccanismo letto, per eventuali ospiti notturni in più. Grandi tende, cuscini e grandi tappeti completerebbero in modo suggestivo la zona giorno della casa prefabbricata.


Una risposta

  1. Alfonso Liguori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.