Case prefabbricate in legno: una scelta “eticamente” giusta

Per chi ha la possibilità di acquistare una nuova casa è tempo di fare una scelta valida ed eticamente giusta: investire nella bioedilizia. Basta recarsi presso qualche ditta costruttrice specializzata nel settore di case prefabbricate in legno per scegliere il modulo abitativo più consono alle proprie esigenze e la campionatura di capitolato. Anche l’iter burocratico sarà a cura dell’azienda dal momento che non è necessario una figura professionale per la presentazione della documentazione progettuale.


scegliere di costruire case prefabbricate

I fattori che giocano a favore

La tempistica è un altro aspetto che gioca a favore, sempre se il Comune non trova “intoppi” burocratici di vario genere allungando i tempi di costruzione. Infatti, nel giro di qualche mese è già possibile avviare i lavori con tempi e costi fissi senza l’ansia di aumenti e imprevisti vari. La nota positiva legata alla costruzione delle case prefabbricate in legno è proprio la voce dei costi fissi e dei tempi di programmazione senza date di scadenza. Per molti potrebbe sembrare un’assurdità ma si tratta di una pratica già collaudata da molto tempo. Si potrebbe fare molto di più ma, purtroppo, in Italia abbiamo una situazione abbastanza scadente sotto il profilo burocratico, vincolata da scelte politiche mirate a creare nuovi posti di lavoro inutili, sia nel pubblico sia nel privato, causando tempi di attesa più lunghi ed esborsi monetari maggiori. Categorie come quelle dei notai e di molti dipendenti comunali dovrebbero essere abolite mentre i progetti abitativi più virtuosi e importanti non dovrebbero essere sottoposti a commissioni edilizie ma agevolati e “adottati” come esempi positivi da seguire.


Un’occasione ghiotta per chi può

Il mondo delle case prefabbricate in legno è un’ottima occasione per chi ha la possibilità di realizzare una nuova abitazione, facendo non solo una scelta funzionale e di alta edilizia ma soprattutto un gesto d’amore nei confronti dell’ambiente, riducendo le emissioni di anidride carbonica e valorizzando l’efficienza energetica. Servirsi di un buon architetto aumenterà le probabilità di realizzare un edificio a regola d’arte, in sinergia con l’azienda costruttrice, in base alle specifiche tecnico-costruttive del cliente. La ditta costruttrice può valutare con il cliente ogni voce relativa ai costi della casa in totale scioltezza senza preoccupazioni, apportando eventuali modifiche e confrontandosi direttamente con il committente sull’obiettivo finale. Lo scopo rimane quello di “congelare” un prezzo univoco a garanzia reciproca senza possibilità di contestazioni o richieste successive.

Come per l’edilizia tradizionale in calcestruzzo, anche in questo caso realizzare una casa prefabbricata in legno si rivela una sfida ardua e costosa. Anche la scelta delle figure professionali, come il bioarchitetto o l’ingegnere, risulta abbastanza complicata se tali persone non si dimostrano all’altezza della materia o poco qualificati nel campo della bioedilizia.

Per chi si approccia a questa particolare tipologia costruttiva “green”, che sia il cliente o il tecnico professionista, sarà sicuramente spinto dalla sensibilità verso la natura, da una scelta di benessere abitativo e salubrità degli ambienti indoor, da una costruzione duratura e da un investimento sicuro nel tempo.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.